Lo "SEO" (o non lo "seo")?

«…e ricordati di compilare il SEO!», così si concluse una telefonata con un caro amico, tempo fa.

Ed io come un novello don Abbondio, sentivo rimbombare nella mente «… SEO! Chi era costui?»
Le alternative erano due:

  1. Allenarmi nella disciplina olimpica del “free climbing on a mirror”;

  2. “googlare” sul significato del SEO

“Tertium non datur” dicevano i nostri avi latini.

 

Spavaldamente replicai «… SEO? si mangia?»

E visto che “non datur”, me lo sono "presum"!

La risposta fu più efficace di un “calcio volante” di Chuck Norris: «… beh informati un po'!!».

Detto, fatto!

 

SEO è un acronimo che sta per "Search Engine Optimization", che in italiano potrebbe essere tradotto come “ottimizzazione per i motori di ricerca (e per gli utenti che li utilizzano)“.

Ma è molto più di questo.

La SEO è quell'insieme delle tecniche e strategie che permettono ad un sito web di essere trovato dagli utenti sui motori di ricerca nel momento in cui … stiamo cercando informazioni su determinati contenuti, prodotti o servizi.

Ovvero proprio ciò che stavo facendo io…
Se ho trovato la definizione di SEO ...è proprio grazie ad un SEO!
Un vero cortocircuito virale.

La SEO comprende tutte quelle attività, strategiche ed operative, che permettono ai contenuti di un sito web di essere visibili tra i risultati dei motori di ricerca grazie a determinate parole chiave utili per restringere il campo e poter essere trovati da parte di utenti interessati a quella tipologia di contenuto.

La SEO è quindi un fondamentale strumento di

 marketing che permette di intercettare utenti interessati ad un determinato argomento/prodotto/servizio e di attirarli come una potente calamita in grado di attirare su un sito web utenti targettizzati tramite i risultati organici di ricerca su un determinato sito web nel momento stesso in cui loro esplicitano questo bisogno tramite una ricerca sui motori, con lo scopo di soddisfare le loro esigenze.

 

Ma non tutto è così semplice e lineare.

Andrea Pernici che si autodefinisce “profondamente SEO e project manager” ha il dente avvelenato con il principe dei motori di ricerca.

La documentazione di Google recita come introduzione la seguente frase: «La decisione di avvalersi di un SEO è una decisione importante che può potenzialmente migliorare il tuo sito e consentirti di risparmiare tempo, ma può anche rischiare di danneggiare il tuo sito e la tua reputazione. Assicurati di comprendere quali sono i vantaggi potenziali nonché i danni che un SEO irresponsabile può causare al tuo sito».

 

«Questo paragrafo –afferma Pernici– oltre ad essere errato nella sostanza è anche un insulto alla nostra professione, ma soprattutto un’offesa a ciò in cui crediamo e a ciò che amiamo, e vi spiego il perché: l’ottimizzazione è parte di un’attività più complessa, quale il marketing dei motori di ricerca» (Search Engine Marketing, SEM).».

 

Ma che cosa si intende per “ottimizzazione”? Le attività finalizzate ad aumentare il volume di traffico (accessi) che un sito web riceve tramite i motori di ricerca. Tali attività comprendono l’ottimizzazione sia del codice sorgente della pagina web, sia dei contenuti.


L’attività di ottimizzazione per i motori di ricerca comprende varie operazioni tecniche che vengono effettuate sul codice HTML (incluso il mark-up) e sui contenuti delle pagine web del sito, nonché sulla struttura ipertestuale complessiva (tecnologie di interazione comprese). Indispensabile è anche l’attività esterna al sito, solitamente effettuata con tecniche di link building, diffusione di comunicati stampa e campagne di article marketing di qualità.

Quindi con buona pace di Google con il termine “ottimizzazione” NON si intendono quelle attività volte ad aumentare il traffico tramite i motori di ricerca.

 

La SEO intesa come ottimizzazione è un’attività che consente di migliorare la qualità di un sito web per fornire una informazione quanto più attinente possibile (e che rispecchi la realtà) all'informazione cercata da un utente. 

Il traffico è tutta un’altra cosa: è rendere una pagina attinente ad un intento di ricerca di una informazione/prodotto/servizio rimane valido per qualsiasi motore di ricerca tra cui anche quello interno al sito stesso.

 

Quando si parla di SEO è importante pensare all’«Information Retrieval» per curare il miglioramento del traffico ricevuto non quindi tesi all'aumento del traffico, che non necessariamente deve corrispondere ad un aumento di esso, ma piuttosto anche ad una diminuzione dello stesso.

Alla base della SEO c’è la cura della qualità e la capacità di rispondere in modo corretto alla domanda di informazione cercata.

La decisione di avvalersi di un SEO è una decisione importante

Per la buona riuscita di un progetto sul web occorrono seguenti caratteristiche personali:

-curiosità,

-determinazione,

-capacità di ricerca

-particolare attenzione ai dettagli.

…dalla manovalanza alla dirigenza.

 

Un SEO migliora il tuo sito ma solo se coadiuvato da tutto quel complesso meccanismo che ruota attorno ad un sito/progetto web a partire dal reparto di sviluppo, design, user interaction e experience, copy, marketing, social e relationship/link building fino ad arrivare a quello dirigenziale.

 

Purtroppo la SEO è una di quelle professioni che non ha regolamentazione e, come spesso accade, il nostro inflazionato acronimo rientra nelle mire di chiunque voglia garantire o promettere una visibilità amplificata, ma fine a se stessa.

Ci sono moltissimi casi dove l’azienda in modo autonomo danneggia il suo sito o la sua reputazione e non c’è opinione o consulenza che tenga…

 

In questo ambito (come in altri!), c'è chi ama il "fai-da-te" elaborando strategie improvvisate, ma sono solo un inutile dispendio di energie e denaro.
Il saggio Oscar Wilde scrisse: "una verità detta male è peggio di una calunnia".

Una buona comunicazione ti permette di "far parlare bene" della tua azienda, ma c'è una sola cosa peggiore del "non far parlare bene" della tua azienda, il "non parlarne affatto" ..

 

Detto questo, il SEO (prima non lo sapevo,ora lo so, anzi lo...SEO!) è un iceberg.

Quanto scritto sopra è solamente la parte che emerge.

Poi sotto il livello dell’acqua troveremmo Strumenti di Web Analytics, Webmaster Tools, Strumenti per le parole chiave, Strumenti di Link Intelligence (come Majestic, Ahrefs, OSE), Excel, Strumenti di Crawling (come Xenu, Screaming Frog,Visual SEO Studio)…

 

Please reload

Post in evidenza

Lo dico a voi… ma che resti tra noi. 😉
Avevamo programmato di iniziare a divulgare il blog di pAint us sui canali social non prima di lunedì.
(La dat...

Here we are.

February 4, 2017

1/1
Please reload

Post recenti

October 26, 2018