Silenzio...

Introduzione


Forse avrete notato che gli ultimi due articoli NON sono stati scritti dal nostro blogger che, chiamato all'interrogazione, alla domanda "sai dirmi come mai il dottor Mangione, ultimamente, senza che ciò sia concordato o pianificato, non ci propone nessun pezzo?", faceva scena muta.
Poi, l’altro ieri, al mio invito (più che altro un deciso sollecito) di propormi qualcosa di interessante continuò a non proferire verbo.
Chi tace acconsente?
Penso proprio di sì, tant’è che oggi pubblichiamo questo articolo che mi è piaciuto particolarmente.
Forse “il Vinc” aveva già premeditato tutto?… magari (è una mia divertita teoria) in parziale risposta al mio pezzo "alla scoperta della voce": Link.

 

Giovanni Pintus

 

Silenzio...

 

Il silenzio è attesa di una comunicazione? E «l’attesa della comunicazione è anch’essa comunicazione?» potremmo dire parafrasando una citazione famosa di Gotthold Ephraim Lessing.

E il silenzio? Equivale al nulla? In un mondo in cui il frastuono è il compagno di ogni attimo della nostra giornata, è assenza di comunicazione?
Nelle nostre vite, regno della comunicazione più sfrenata, il silenzio è diventato più raro della tigre albina o della foca monaca.

Eppure il conte Giacomo Leopardi scrisse che «il silenzio è il linguaggio di tutte le forti passioni, dell'amore (anche nei momenti dolci) dell'ira, della maraviglia, del timore».

Il linguaggio non è soltanto rappresentato da quello che viene esplicitato verbalmente, ma la vera comunicazione nasce proprio dal “non detto”, da ciò che viene omesso in una comunicazione verbale.

Il silenzio non significa mancanza di parole, significa sforzarsi ad andare oltre, penetrare la persona e comprendere quello che ci sta dicendo.

Solo un linguaggio che prevede al suo interno un posto specifico per il silenzio è in grado di stabilire un contatto emotivo positivo con la realtà.

Comunicare nel silenzio è la più grande forma di dialogo che si possa raggiungere.

Il silenzio chiarisce più di ogni altra parola; ci aiuta a riflettere, a pensare, a conoscersi, a valutare, a goderci di più tutto quello che ci circonda. È un mezzo per arrivare alla nostra anima. È un mezzo per arrivare all’anima del nostro interlocutore.

Provate a chiedere ad un musicista l’importanza di una pausa in una sinfonia.

«Il silenzio è come il colore nella tavolozza del pittore, che viene usato per un riflesso di luce o per marcare un’ombra». (M. Brunello) 
Nella musica, il silenzio all’interno di una composizione è usato per creare un’emozione. 
Oppure, chiedete ad un abile oratore o un attore quanto sia utile una pausa (ad effetto!) per sottolineare una frase o un concetto!

E passiamo al ramo cromatico: il bianco è assenza di colore? Tutt’altro. Li riassume tutti.

Ergo, il silenzio è assenza di parole o una sorta di concentrato di parole?

Non vorrei fare della psicologia spicciola, ma anche nella nostra frenetica vita quotidiana, il silenzio spesso dice ciò che mille parole non potrebbero dire.

Nella comunicazione umana, c’è il silenzio che predispone all’ascolto ed alla conoscenza, quello che scandisce la punteggiatura di una relazione e quello che crea lo spazio in cui è possibile ascoltare in sé quanto una comunicazione ha lasciato. 
Il verso di una splendida canzone firmata da Paul Simon e Simon Garfunkel dice «[...] the vision that was planted in my brain still remains, within the sounds of silence» (la visione che era fissa nella mia mente, resta ancora racchiusa nel suono del silenzio!).

Il silenzio è anche un ottimo mezzo per imparare ad ascoltare: saper ascoltare è tanto difficile quanto saper parlare.

Per migliorare la qualità delle nostre relazioni, per comprendere fino in fondo l’altro, ma soprattutto per comprendere principalmente noi stessi, dovremmo tacere di più e imparare a riflettere, a vedere quello che gli occhi non possono vedere e ad ascoltare quello che le nostre orecchie non possono ascoltare.

Di certo non conoscono il consiglio che il filosofo Pitagora dava ai suoi discepoli: stare in silenzio per 5 anni.

Nella meditazione orientale, il silenzio è d’obbligo.

Ed anche in quella cristiana, l’acme della preghiera avviene nel deserto, cioè in silenzio.

Nella tv, invece, vera e propria “maestra” della nostra vita, vige l’assoluto divieto del silenzio.

Un “buco audio” di pochi secondi o di immagine (quella che chiamano “nero”) sarebbe capace di creare uno scompenso psicologico nel direttore di produzione.

Il silenzio invade anche l’ambito della comunicazione creativa.

Un mondo dove nello spazio di uno spot si vorrebbe infilare di tutto, si riempiono quei 30” di parole come una lavatrice zeppa di panni (e le massaie ci possono insegnare che quando è troppo carica, non lava bene!).

Ecco che si arriva al paradosso di velocizzare le parole come il tipico epilogo degli spot di farmaci da banco «è-un-presidio-medico-chirurgico-può-avere-effetti-indesiderati-anche-gravi-leggere-attentamente-il-foglietto-illustrativo—non-somministrare-al-di-sotto-dei-dodici anni-se-il-sintomo-persiste-consultare- il-medico» che nessuno ascolta.

Eppure qualche decennio fa proprio uno spot diede spazio al silenzio.
Si vedevano dei commensali seduti amabilmente attorno a una tavola imbandita, ma non si sentiva alcun suono, men che meno un dialogo neppure sussurrato, tanto da pensare che ci fosse un difetto audio.

Poi solo alla fine lo slogan (ideato da un genio come Lorenzo Marini), che come tutti i grandi claim sono entrati a far parte dei modi di dire: «Silenzio, parla Agnesi».

Vincenzo Mangione

 

 

 

Please reload

Post in evidenza

Lo dico a voi… ma che resti tra noi. 😉
Avevamo programmato di iniziare a divulgare il blog di pAint us sui canali social non prima di lunedì.
(La dat...

Here we are.

February 4, 2017

1/1
Please reload

Post recenti

October 26, 2018

June 6, 2018

Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag